Autori italiani dominano le vendite nel 2024

Bestseller 2024 - gennaio/aprile
AIE: la top ten dei bestseller inizia il 2024 con nove titoli italiani su dieci e un aumento delle vendite nazionali rispetto al 2023

Durante il Salone del Libro di Torino, l’Associazione Italiana Editori (AIE) ha presentato un’analisi dell’ufficio studi basata sui dati Nielsen BookScan e altre fonti, offrendo uno sguardo sui bestseller di inizio 2024. La top ten dei libri più venduti tra l’1 gennaio e il 20 aprile 2024 mette in luce la predominanza degli autori italiani, con ben nove su dieci titoli di autrici e autori nazionali.

Secondo AIE, le vendite complessive tra gennaio e aprile nelle librerie fisiche e digitali hanno generato un totale di 445,3 milioni di euro a prezzo di copertina (escludendo la grande distribuzione). Di questa cifra, 250,2 milioni di euro sono stati generati dalle vendite di libri di autori italiani, segnando un incremento dell’1,3% rispetto allo stesso periodo nel 2023, mentre i libri di autori stranieri hanno prodotto 195,1 milioni di euro, registrando un calo del 5,6%.

La classifica dei dieci libri più venduti durante questo periodo è la seguente:

1. L’orizzonte della notte di Gianrico Carofiglio (Einaudi Stile Libero, febbraio 2024)

2. Un animale selvaggio di Joël Dicker (La nave di Teseo, marzo 2024)

3. Dare la vita di Michela Murgia (Rizzoli, gennaio 2024)

4. Tutti i particolari in cronaca di Antonio Manzini (Mondadori, gennaio 2024)

5. La portalettere di Francesca Giannone (Nord, gennaio 2023)

6. Tra il silenzio e il tuono di Roberto Vecchioni (Einaudi, febbraio 2024)

7. Cara Giulia. Quello che ho imparato da mia figlia di Gino Cecchettin e Marco Franzoso (Rizzoli, marzo 2024)

8. Amore senza fine. Love me love me di Stefania S. (Sperling & Kupfer, febbraio 2024)

9. Cuore nero di Silvia Avallone (Rizzoli, gennaio 2024)

10. Israele e i palestinesi in poche parole di Marco Travaglio (PaperFIRST, novembre 2023)

Questi risultati confermano il trend positivo per gli autori italiani, evidenziando una crescita delle vendite in controtendenza rispetto alla media del mercato.