Grazia Deledda, nata a Nuoro nel 1871, è una figura centrale della letteratura italiana del primo Novecento. Nonostante una formazione scolastica limitata, la sua passione per la scrittura la spinge a pubblicare la sua prima novella all’età di quindici anni. Inizialmente criticata per il suo stile e per le sue letture considerate poco raffinate, Deledda trova in Luigi Capuana uno dei pochi sostenitori.

Le sue opere, intrise di osservazioni sulla natura e sui costumi della Sardegna, rivelano una profonda conoscenza dei caratteri umani. Con romanzi come “Fior di Sardegna” e “Anime oneste“, Deledda inizia a distinguersi per il suo marcato regionalismo.

Nel 1900 si trasferisce a Roma dopo il matrimonio con Palmiro Madesani, continuando a scrivere e pubblicare opere di successo come “Elias Portolu“, “Cenere” e “Canne al vento“. Nel 1926, riceve il Premio Nobel per la Letteratura, ma nonostante questo riconoscimento, continua ad essere oggetto di critiche da parte di alcuni settori della critica letteraria.

Il suo romanzo autobiografico, “Cosima“, pubblicato postumo nel 1937, offre uno sguardo intimo sulla sua vita e sulla sua carriera. Grazia Deledda muore a Roma nel 1936, lasciando un’eredità letteraria che continua ad essere studiata e apprezzata oggi.

  • Canne al vento

    Descrizione

    Sullo sfondo di Galte (Galtellì), un piccolo paese della Sardegna orientale, si intravedono i mali secolari dell’isola, l’estrema povertà della Baronia e l’incubo della malaria sempre in agguato. A Galte vivono le dame Pintor, appartenenti alla nobiltà terriera ormai decaduta, che non sanno adattarsi alla società che cambia, nella quale hanno buon gioco commercianti e usurai. Protagonista principale del romanzo è Efix, il “servo” delle dame Pintor, che si cura della loro sopravvivenza. Quando, diversi anni più tardi, giungerà in paese Giacinto, figlio di Lia. una delle sorelle, a sconvolgere l’esistenza di tutti, Efix, con la sua sofferta saggezza, cercherà in ogni modo di arginare il disastro finanziario provocato dal giovane dissennato, ma morirà proprio il giorno in cui Noemi, la più giovane delle Pintor, deponendo il suo orgoglio, sposa il ricco cugino Don Predu. Il romanzo è pervaso da una vena lirica che stempera le forti passioni trasformandole, come scrive la stessa Deledda, «in un motivo che sgorga spontaneo dalle labbra di un poeta primitivo».

  • Elias Portolu

    Descrizione

    «Giorni lieti s’avvicinavano per la famiglia Portolu, di Nuoro. Agli ultimi di aprile doveva ritornare il figlio Elias, che scontava una condanna in un penitenziario del continente; poi doveva sposarsi Pietro, il maggiore dei tre giovani Portolu. Si preparava una specie di festa: la casa era intonacata di fresco, il vino ed il pane pronti; pareva che Elias dovesse ritornare dagli studi, ed era con un certo orgoglio che i parenti, finita la sua disgrazia, lo aspettavano. Finalmente arrivò il giorno tanto atteso, specialmente da Zia Annedda, la madre, una donnina placida, bianca, un po’ sorda, che amava Elias sopra tutti i suoi figliuoli.»

  • Il vecchio della montagna

    Descrizione

    «Melchiorre Carta saliva la montagna, ritornando al suo ovile. Era un giovane pastore biondastro, di piccola statura; una ruga gli si disegnava fra le sopracciglia folte e nere, che spiccavano nel fosco giallore del suo volto contornato da una rada barbetta rossiccia. Anche la sopragiacca di cuoio del suo costume era giallognola, e il cavallino che egli montava era rossastro, tozzo, angoloso e pensieroso come il suo padrone. Melchiorre era un giovine di buoni costumi e d’ottima fama; molto spensierato ed allegro non lo era mai stato, ma da qualche tempo si mostrava più taciturno del solito, e si sentiva quasi malvagio, perché sua cugina Paska lo aveva abbandonato alla vigilia delle loro nozze. E senza motivo! Così, solo perché ella si era improvvisamente accorta di essere graziosa e corteggiata anche da giovani signori.»

  • Luci di Natale

    Due racconti sul diverso modo di vivere l’attesa della Vigilia di Natale, introdotti da una poesia di Edmond Rostand. “Il dono di Natale” di Grazia Deledda è ambientato nella Sardegna dei primi del Novecento. Dopo la messa della Vigilia, i cinque fratelli pastori festeggiano, davanti al focolare dell’umile casa, il fidanzamento dell’unica sorella consumando carne arrosto, focacce e una torta di miele. “A.D. 2953” è un racconto distopico in cui un nuovo ordine mondiale ha preso il potere sulla Terra. La razza umana, sfidando le leggi di natura e sostituendosi a Dio, è diventata immortale. C’è ancora, però, una frangia dissidente e una luce di speranza. Seppur così apparentemente lontani, un filo rosso lega i due racconti che, nel finale, ci svelano che il dono più grande è il miracolo della vita.