In Messico con Frida Kahlo – l’autoritratto come geografia

In Messico con Frida

Giulio Perrone Editore annuncia con entusiasmo l’uscita dei Passaggi di Dogana numero 57, intitolato “In Messico con Frida Kahlo“, scritto da Paola Zoppi. Questo libro ci accompagna in un viaggio attraverso i luoghi e la vita dell’iconica artista messicana, Frida Kahlo. Disponibile a partire da oggi in libreria e su tutti gli store online, il testo rappresenta un’opportunità per esplorare la figura di Frida da una prospettiva nuova e affascinante.

Paola Zoppi ci guida in una scoperta dettagliata e appassionante dei luoghi che hanno segnato la vita e l’opera di Frida Kahlo. L’autrice crea una cartografia essenziale, tracciando le case, le città e le strade che hanno fatto da sfondo all’esistenza dell’artista sia nelle Americhe che in Europa. Ma Zoppi non si ferma a una semplice mappa geografica; arricchisce la narrazione con una mappa astrale che delinea il profilo di Frida al momento della sua nascita, prima che il mondo esterno influenzasse profondamente il suo essere.

Il libro si propone di andare oltre la cronologia dei fatti noti, offrendo una visione più intima e complessa di Frida Kahlo. Non è solo l’artista della Casa Azul, né semplicemente colei che indossa abiti tradizionali o vive una relazione tumultuosa con Diego Rivera. Frida viene esplorata attraverso le fratture del suo corpo, che si trasformano in genesi e spazio per la sua arte, e nelle parole potenti e viscerali che ha scritto. Concetti come disintegrazione, nascita e dualità diventano chiavi per comprendere la sua passione e la sua creatività.

Il libro esamina anche la cultura materiale che ha alimentato il culto di Frida, un culto che ha avuto una rinascita negli anni Ottanta con la “Fridamania”. Paola Zoppi ci presenta un ritratto a tutto tondo di un’artista che ha trasformato la sofferenza personale in una celebrazione universale della forza umana.

Paola Zoppi è una giornalista e consulente culturale. Autrice e conduttrice radiofonica, si dedica da anni all’organizzazione di eventi culturali come festival e rassegne, in qualità di curatrice e presentatrice. Come performer, crea spettacoli che mettono al centro storie, luoghi e parole. Conduce seminari sull’espressione femminile nel mondo artistico e collabora con diverse testate e blog culturali.