Le carte dei libri

La carta di un libro non è altro che uno dei suoi fogli, ed è  composta di due lati, il recto ed il verso.

Le carte dei libri antichi recano spesso (almeno di quelli del XVI e XVII secolo) l’indicazione della segnatura. Le singole pagine di ogni carta, inoltre, riportavano nell’angolo in basso la prima parola della pagina successiva.

Questa usanza era dovuta a due motivazioni. Una prima, di natura più pratica, consisteva nella volontà di agevolare il lavoro di colui che doveva occuparsi di rilegare il libro consentendogli così di individuare facilmente l’ordine delle carte La seconda motivazione, invece, atteneva all’uso invalso all’epoca di leggere i libri ad alta voce. L’indicazione della prima parola della pagina successiva, difatti, consentiva di facilitare e rendere più rapida la lettura.

di Diego Manzetti