I custodi della biblioteca

Descrizione

Abbazia di Vectis, 1296. sono tutti morti. Gli scrivani dai capelli rossi che, generazione dopo generazione, hanno compilato la sterminata biblioteca in cui è riportato il giorno di nascita e di morte di ogni uomo vissuto dall’VIII secolo in poi si sono suicidati: nello stesso istante e nel silenzio. La loro eredità è un’ultima data: il 9 febbraio 2027. tuttavia la giovane Clarissa non sa di essere la causa di quel gesto estremo. Il suo unico pensiero è continuare a correre, per allontanarsi il più possibile dall’abbazia. Solo quando arriverà nel suo villaggio sarà di nuovo al sicuro e potrà dare alla luce il bambino che porta in grembo… L’incubo ritorna. Decine di persone ricevono una cartolina con disegnata una bara e segnata una data: il giorno della loro morte. Proprio come nel 2009, proprio come all’inizio della straordinaria serie di eventi che ha portato alla scoperta della biblioteca dei morti? Sì, ma con una singolare differenza: tutte le “vittime” sono di origine cinese. La comunità internazionale è in subbuglio e il governo di pechino minaccia ritorsioni se non si farà luce sul mistero… Will Piper si è lasciato tutto alle spalle. O almeno così crede. Mentre il mondo si chiede cosa succederà il 9 febbraio 2027, lui sa che sopravvivrà a quella data fatidica. Ma, d’un tratto, suo figlio sparisce nel nulla e ogni cosa, per Will, torna a ruotare intorno al segreto della biblioteca dei morti. un segreto che solo apparentemente era stato svelato…

Autore: Cooper Glenn

Editore: Nord

Autore della recensione: Bruno Elpis

 

Recensione

Con “I custodi della biblioteca” torna nelle librerie uno dei protagonisti della scena letteraria mondiale: Glenn Cooper. E torna con il terzo episodio (dopo “La biblioteca dei morti” e “Il libro delle anime”) della sua creatura: Will Piper, personaggio “con l’istinto di un padre (ndr: dell’adolescente Philip e della scrittrice Laura) ancora in carica e di un ex agente dell’FBI”, marito di Nancy (“vicedirettore esecutivo della sezione anticrimine cibernetico dell’FBI”) con forte propensione alla ‘scappatella’.

Anche la formula della terza avventura – contigua rispetto alle precedenti – è un’accattivante miscela di generi. Direi una ricetta del tipo: “Amalgamate thriller, fantasy e letteratura d’azione. Mantecate il composto con sfumature romance, aggiungendo qualche pizzico di fantascienza e di millenarismo. Con una spennellata di filosofia, il risultato vi lascerà a bocca aperta!”

Il thriller

Si ripetono misteriosi delitti, preannunciati: “Cinque cartoline inviate lo stesso giorno … nome e indirizzo del destinatario e, sul retro, il disegno di una bara e una data.”

Hanno una straordinaria coincidenza (“Tutti i destinatari sono cinesi”) che sta creando un caso diplomatico e una pericolosa crisi internazionale: “… sono convinti che si tratti di una provocazione deliberata, una tattica per ricattarli visto che la Cina è il maggior creditore degli Stati Uniti …”

Ottimo e inaspettato il colpo di scena quando Nancy afferma: “È stato lui a mandare le cartoline.”

Il fantasy

Ruota intorno alla Biblioteca nella quale gli scrivani, generati per continuità dinastica con accoppiamenti discutibili e ‘sui generis’, sono impegnati a trascrivere date di nascita, nomi e date di morte.

La Biblioteca originaria si trovava sull’isola di Wight. “I 700.000 volumi della Biblioteca erano stati trasportati dall’Inghilterra a Washington dall’aeronautica militare e sistemati in un bunker antinucleare scavato sotto il deserto del Nevada”: l’Area 51, tutelata dai ‘sorveglianti’.

La Biblioteca ‘di seconda generazione’ viene installata in “una fattoria di Pinn, Cumbria, Inghilterra”.

Per oltre settecento anni, noi Lightburn siamo stati i Custodi della Biblioteca. È Il motivo per il quale siamo venuti al mondo.”

L’azione

Oltre che negli States (Florida, Panama City, dove Will vive su una barca), si svolge nell’isola di Wight e nella fattoria di Pinn. Corre l’anno 2026, ma vi sono continue analessi all’ottavo (“Nel 777, il settimo giorno del settimo mese, durante il passaggio di una cometa, sull’isola era nato un bambino…”), al tredicesimo (nel 1297 gli scrivani si suicidarono dopo aver scritto la frase “finis dierum”) e al diciottesimo secolo (“Benjamin Franklin a Vectis! Ha trovato la Biblioteca?”).

In prossimità della fattoria si scatena un terzo conflitto mondiale in miniatura: tra forze di polizia inglese e caccia della RAF, “sorveglianti” e Pentagono e … misteriosi agenti di un esercito sconosciuto: “I soldati inglesi avevano vinto, ma restava da capire contro chi.”

Il romance

Will è un dongiovanni. Nella scena erotica iniziale … si prende un infarto! Di lui s’innamorano l’agente speciale Annie e Cassie, la matriarca dei “custodi”. Suscitando la gelosia ironica della legittima consorte.

Ma c’è anche un’altra love story, tra teen ager: Phil, il figlio di Will, e Haven, figlia di Cassie. “Speravo che Phil mi aiutasse a far conoscere la verità … (ndr: sulla fine dei giorni) … Sai, una mia compagna di scuola si è impiccata. Non potevo starmene con le mani in mano.”

Fantascienza e di millenarismo

Quali sono gli elementi di fantascienza del romanzo?

Una cura miracolosa all’infarto: “Un nuovo medicinale a base di cellule staminali del muscolo cardiaco”.

L’evoluzione dei social network: “FB? SocCo? Light Scaber?”

E della chat: “Tunneling … si riferisce a un processo di cifratura per nascondere il traffico e rendere le Net-Chat superprivate.”

Il futuro delle fonti di energia: “Erano spariti il rombo dei motori a benzina e gasolio e i loro puzzolenti gas di scarico. In giro c’erano soltanto auto elettriche o inuovi modelli a pile a combustibile, quindi il rumore del traffico si limitava al leggero brusio degli pneumatici sull’asfalto.”

E che dire delle portentose net-pen? Si ricaricano con la luce del sole, inviano e-mail criptate in tunneling, obbediscono a comandi manuali o vocali. E naturalmente svolgono le banali funzioni di telefonini (“riuscì a scattare una fotografia di una lunga fila di volumi”) e tablet.

Quanto al millenarismo:

Che cosa succederà davvero il 9 febbraio 2027?

Però è tremendo pensare che tutto finirà tra quattrocento giorni o giù di lì. C’è gente che ha addirittura un timer sul monitor del computer! Il mondo è in preda all’angoscia.”

Tuttavia: “… Se il proprio nome non figura nella lista, si viene considerati OLO, cioè ‘oltre l’orizzonte’

Un tocco di filosofia

Ho trovato interessanti le riflessioni sul tempo.

“… Se la gente avesse conosciuto la data della propria morte sarebbe impazzita …”

Il tempo non esisteva più. Settimane dopo, avrebbe paragonato quelle sensazioni ai famosi ‘orologi sciolti’ di Dalì.”

Soprattutto alla luce del conflitto tra determinismo di una storia tracciata nei nomi e nelle date e la libertà d’azione nell’uomo.

Siete pronti a provare la ricetta di Glenn Cooper compilata da …

… Bruno Elpis?

 

Cinque domande a Glenn Cooper

Sulla tua scrittura esercita maggior influsso la dimensione del medico, quella dell’archeologo, l’intuizione artistica o … che altro?

Sono stato fortunato ad avete una vita interessante con così varie avventure professionali e personali. Come scrittore è di grande aiuto attingere al mio bagaglio culturale per dar vita ai miei libri. Credo che i lettori possano apprezzare l’autenticità che deriva da vere esperienze di vita.

A cosa è dovuta la scelta dell’isola di Wight? Considerato che Laura, la figlia  di Will è “una figlia dei fiori del nuovo millennio, dai capelli screziati di grigio e vestita con lunghi abiti di cotone”, la tua non sarà nostalgia hippy?

Sono certamente un nostalgico hippy! Sono un figlio degli anni sessanta e Laura è un po’ bloccate in quel periodo. Ho scelto però l’Isola di Wight perchè è un piccolo mondo a se stante vicino all’Inghilterra. Deve essere stato un posto misterioso nel medio evo. In effetti c’è un bellissimo monastero lì, Quar Abbey, che mi è stato d’ispirazione per l’Abbazia di Vectis.

Le intuizioni avveniristiche, come quelle sulla cura all’infarto o l’idea che il mondo sopravvivrà oltre il 2600, ti derivano dalla scienza o dalla speranza?

Probabilmente da entrambe. Certamente la mecina si sta sviluppando velocemente e ci saranno molte cure già nel corso della nostra vita. Per il futuro chi può dirlo, ma è divertente pensarci.

“Le poche biblioteche sopravvissute erano diventati circoli per anziani o luoghi dove le mamme lasciavano i figli mentre andavano a fare shopping. O posti dove collegarsi a Internet”. Quale credi sia il futuro del libro?

Per la prima volta dall’epoca in cui Gutenberg ha inventato i caratteri mobili i libri stanno vivendo una grande sfida. La crescita dell’ebook sembra inarrestabile, e questo è abbastanza triste perchè i libri cartecei stanno vivendo un momento esistenziale. E’ difficile immaginare un futuro nel quale i libri cartecei avranno la stessa importanza che hanno oggi. Non esiste nulla come la sensazione di toccare, odorare e pesare un libro. Io uso gli ebook quando viaggio, ma non li lascerò mai sostituire i libri reali nella mia vita.

Ma … gli scribani ti hanno dato qualche ‘soffiata’ su una morte illustre del prossimo futuro? Ce la puoi rivelare?

Quello che posso dirti è che tutte le persone famose un giorno moriranno!