Dark visions

Descrizione

Il potere della mente è immenso, come quello dell’amicizia. Kaitlyn Fairchild è una ragazza speciale. I suoi occhi vedono cose che nessun altro vede. Quando scopre che le sue premonizioni si realizzano davvero, però, cade nel panico. Ha paura di essere condannata a un futuro di solitudine: lei non è come tutti gli altri ragazzi della scuola, e non lo sarà mai. Un giorno una dottoressa le parla di un centro in California, dove potrà imparare a gestire il suo dono. Kaitlyn si trasferisce così allo Zetes Institute, e per un breve periodo tutti i suoi sogni diventano realtà. Conosce quattro ragazzi “speciali” come lei Rob, Gabriel, Anna e Lewis – e tra loro nasce un rapporto così profondo da trasformarsi in un indissolubile legame psichico. Ma l’istituto non è pacifico e tranquillo come potrebbe sembrare. E il signor Zetes nasconde dei terribili segreti. La sua ambizione non ha confini. Dopo averli attirati a sé, Zetes vuole ridurli in suo potere, sottomettere le loro menti e i loro corpi. Per i ragazzi dello Zetes Institute la battaglia ha inizio.

Autore: Smith Lisa Jane

Editore: Newton Compton

Autore della recensione: Nicoletta Scano

 

Recensione

Per tutti gli appassionati di urban fantasy, l’inizio di una nuova saga dell’autrice de “Il diario del vampiro”.

Abbandonata l’atmosfera gotica delle saghe vampiresche, in questa nuova opera si raccontano le vicende di cinque adolescenti “speciali”, ciascuno con un proprio dono particolare ed unico, che appaiono inizialmente condannati ad un futuro di solitudine: non sono come tutti gli altri ragazzi, faticano ad ambientarsi a scuola, non possono rivelare al mondo la loro particolarità per non apparire “diversi”, pericolosi.

Il loro destino cambia quando vengono reclutati per una ricerca sulle loro particolari caratteristiche psichiche. Si recheranno così tutti in California, dove saranno ospiti di un Centro e dove sperano di poter imparare a gestire le loro capacità.

Tra i cinque ragazzi nasce in breve tempo un’amicizia fatta di comprensione e superamento della solitudine; non mancano palpitazioni e colpi di fulmine come in ogni urban fantasy che si rispetti; la suspense e l’intrigo non si fanno attendere.

Al confine con la science fiction, questo romanzo apre una nuova serie destinata a sicuro successo, che riesce (e questo francamente colpisce più di ogni altra cosa) ad essere originale in un momento in cui le opere riconducibili a questo genere si moltiplicano sugli scaffali delle librerie lasciando poco spazio all’innovazione.

A mio modesto parere, l’unica pecca, che rappresenta in realtà una scelta voluta dall’autrice, è la conclusione del romanzo: ancora una volta il primo capitolo di una saga di Lisa James Smith lascia il lettore col fiato sospeso, senza chiudere la vicenda, che verrà sviluppata solo nel romanzo successivo.

Recensione di Nicoletta Scano