Il leopardo

Due donne vengono trovate morte a Oslo – entrambe annegate nel loro stesso sangue. Quello che confonde la polizia è che le ferite sui volti delle vittime siano state provocate dall’interno delle loro bocche. Kaja Solness della Omicidi è mandata a rintracciare un uomo: l’unico specialista di omicidi seriali del dipartimento di polizia di Oslo. Il detective, alcolista, rude e pronto a fare sempre di testa sua, si è rintanato nella vasta, anonima Hong Kong. È come al solito in fuga ed è perseguitato dal suo caso precedente, e dai creditori. Ma quando scopre che la sua amata ragazza (con cui ha appena litigato) potrebbe cadere nella trappola del serial killer, torna a Oslo. Il suo nome è Harry Hole.

Autore: Nesbø Jo

Editore: Einaudi

Autore della recensione: Giuliano Pasini

 

Recensione

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Una premessa: Il leopardo non c’entra nulla. Il titolo norvegese “panserhjerte” evoca un cuore blindato che, senza dubbio, è quello del protagonista, Harry Hole. Non evoca nemmeno le caratteristiche del killer, che gli investigatori battezzano “il cavaliere”. Ora, anche dando per scontato che un feroce assassino seriale in Einaudi non avrebbe mai potuto essere chiamato “Il Cavaliere” e che qualsiasi romanzo intitolato così nel nostro paese avrebbe evocato altro, il mistero sulla scelta del titolo italiano permane.

Altra premessa, più importante (poi ritorniamo ad Harry, promesso): sino a tre quarti, questo romanzo è uno dei migliori thriller scandinavi mai usciti! Poi Nesbø, magistrale sino a quel momento, la butta un po’ in vacca (si può dire?) ma resta il fatto che mi ha tenuto inchiodato per tutte le 759 pagine!

Torniamo ad Harry. Harry Hole è messo male. Buttato in una fumeria d’oppio a cercare di ricucire le proprie ferite nell’anima e nel corpo. Vorrebbe essere dimenticato, ma non succede. Non succede perché lui è il miglior investigatore norvegese e a Oslo sono state trovate morte due donne con ventiquattro ferite in bocca. Morti identiche e tremende: è stato il loro stesso sangue a soffocarle. Perciò la bella Kaja Solness va a cercare di riportarlo in patria. Per farlo è pronta a tutto, anche a rivelare a Hole che l’anziano padre è in fin di vita. E’ l’argomento vincente: Hole rientra in Norvegia e, da quel momento, la sua vita è spaccata tra l’assistenza al genitore, con cui tenta di tessere o ritessere un tardivo rapporto, e un’indagine intricatissima, nella quale solo Hole, nonostante tutto e nonostante tutti (a partire dall’ambizioso capo di Kaja, il capitano Mikael Bellman) riesce a scorgere nessi tra altre morti, apparentemente senza legami.

Un ottimo thriller, che sconta solo un po’ di eccessi di colpi di scena e di “hard-to-die”ismo del protagonista nell’ultima parte. Un po’ alla Deaver, per capirci. E questo, per tanti lettori, non è certo un difetto!

Recensione di Giuliano Pasini

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_text_separator title=”Libri dello stesso autore”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_empty_space][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column]

  • Lo spettro

    Estate. Gusto, poco più di un ragazzino, è sdraiato per terra in un appartamento di Oslo. Mentre sente i rintocchi lontani delle campane, racconta la sua storia di tossico e spacciatore. Di vero figlio di puttana. Sanguina, e non avrà molto tempo per raccontarla. Autunno. Ex detective della polizia, Harry Hole torna dall’estero dopo tre anni. Chiede di poter investigare su un caso di omicidio, ma il caso è già stato chiuso. Gusto, un ragazzino con trascorsi pesanti nel giro delle droghe, molto probabilmente è stato ucciso da qualcuno del suo squallido giro durante una lite. Harry ottiene solo il permesso di far visita al presunto assassino in galera. E li incontrerà se stesso e la propria storia.

[/vc_column][/vc_row]