La dama del quintetto

Descrizione

Primo maggio 1891, luglio 1924. Sono decenni burrascosi per l’Italia: dopo l’epopea risorgimentale ci si sta avviando verso il disastro della grande guerra e del fascismo. Ma è anche un periodo stimolante come pochi fino ad allora. In questo contesto, dove scienza, tecnologia e società si evolvono a ritmi vertiginosi, Elisa s’impegna con passione nella difesa dei diritti delle donne e dei bambini. Accanto a lei il marito Vittorio, avvocato a parlamentare socialista, le quattro figlie, poi i conoscenti e gli amici, da Costa a Turati, dalla Kuliscioff alla Montessori, da Nathan a D’Annunzio. Le loro vite, il lavoro, le amicizie e gli amori s’inseriscono nella storia più ampia del nostro paese in un intreccio di vicende personali e pubbliche che trasmettono il profumo di un’epoca. Un romanzo che lega insieme storia e fantasia attraverso le vicende di una famiglia particolare, capace di osservare il mondo con sguardo anticonvenzionale e moderno. Postfazione di Anna Foa.

Autore: Mori Silvia

Editore: Luciana Tufani Editrice

Autore della recensione: Marika Piscitelli

 

Recensione

La dama del quintetto nasce da una vecchia valigia di giornali, documenti, lettere e appunti, un’importante eredità familiare da cui la sensibilità dell’autrice ha saputo trarre un ricco romanzo che alterna storia e fantasia.

Il racconto si snoda tra il 1891, quando per la prima volta fu celebrato il Primo Maggio, e il 1924, l’anno dell’assassinio di Matteotti.

Personaggio chiave è Elisa Lollini, una delle protagoniste del femminismo romano, madre di quattro figlie e moglie dell’avvocato Vittorio Lollini. Ma punto forte del libro non sono tanto i personaggi quanto le vicende storiche ricordate con chiarezza e semplicità, i fatti veri e documentati, l’atmosfera e le idee che si diffondono in quegli anni tumultuosi con faticoso coraggio.

“Le anime forti si rinvigoriscono nella lotta e trovano in loro stesse, come da sorgente perenne, la forza morale che non le fa mancare al loro compito. Anche quando vi troverete sole con i vostri pensieri, con il cuore che palpita per i vostri cari, la fiducia nelle vostre idee vi sarà di compenso”.

Una bella rivisitazione della storia italiana attraverso gli occhi di una famiglia idealista e politicamente impegnata, tra amori e amicizie, scelte e contrasti, scritta con una prosa scorrevole, quasi giornalistica, da cui traspare però il trasporto di chi ne comprende la grandezza e vuole farne tesoro.

Recensione di Marika Piscitelli