Segreti di famiglia

Descrizione

Il parigino Antoine è seduto in un ospedale di provincia in attesa del responso: sua sorella è sotto i ferri, non si sa se ce la farà. Ha avuto lui l’idea di portare Mélanie nella casa della loro infanzia per festeggiare i quarant’anni di lei, una casa che avevano abbandonato dopo la morte della madre trent’anni prima. Quanti ricordi ha messo in moto questo breve weekend, quante cose taciute, quante sorprese, fino all’ultima rivelazione che sua sorella stava per fargli quando ha perso il controllo dell’auto… Mentre aspetta Antoine fa un bilancio della sua vita: la moglie che l’ha lasciato, i figli adolescenti e incomprensibili, il padre anziano che lo tiranneggia e poi il grande interrogativo sul segreto di Mélanie. Soffocato da un passato dal quale non riesce a liberarsi, Antoine riceve un aiuto del tutto inaspettato da una donna che incontra in ospedale, bella, vitale e con un mestiere molto particolare: l’imbalsamatrice. Anche lei ha dei segreti che l’hanno portata a fare un lavoro così insolito. E grazie a lei, che con la morte ha un rapporto quotidiano, Antoine imparerà a vivere di nuovo.

Autore: Rosnay Tatiana de

Editore: Corbaccio

Autore della recensione: Lucilla Parisi

 

Recensione

Amo il nostro segreto. […] Ma per quanto tempo ancora? Quanto a lungo lasceremo che duri, questo nostro segreto? […] Faccio scorrere la mano sulla tua pelle di seta e mi domando se davvero voglio che si venga a sapere, che esca allo scoperto. Immagino già cosa ne scaturirebbe. E’ un po’ come annusare la pioggia nel vento che si leva”.

Quanto a lungo può durare un segreto? Sino a quando i ricordi resteranno sommersi nell’acqua molle del tempo.

Tutto ha inizio a Noirmoutier: per Antoine e Mélanie  il luogo dell’estate, il simbolo della perfezione dell’infanzia, “di quei giorni spensierati quando le vacanze estive sembrano infinite, e pareva di avere sempre nove anni”.

Ora però non hanno più nove anni. Antoine ha superato i quaranta, un divorzio alle spalle che non riesce ad accettare, tre figli adolescenti che non comprende ed un lavoro che non gli appartiene. Sua sorella Mélanie festeggia i suoi quarant’anni di solitudine, sospesa tra il desiderio di creare una famiglia e la delusione dei sentimenti.

Nelle vite non riuscite di oggi si annida il germe delle vite mancate del passato. Ad Antoine il destino però darà una seconda possibilità.

Il passaggio a Noirmoutier dopo trent’anni, attraverso la sottile striscia di terra del Gois, visibile solo con la bassa marea, rappresenterà per i due fratelli un viaggio doloroso verso la verità: quella dell’ultima estate della madre trentenne Clarisse,morta in circostanze misteriose.

Antoine e Mélanie possiedono frammenti di ricordi, volti sbiaditi, silenzi vuoti e vivono vite sospese nella menzogna: lascomparsa della madre è avvolta dai segreti di una famiglia ricca e potente che non può permettersi il lusso di una verità sconvolgente.

La verità su Clarisse riaffiorerà come la striscia di terra del Gois dalla marea, restituendo ad Antoine il coraggio di ricostruirsi una vita interrotta.

Il romanzo di Tatiana de Rosnay è una storia di sentimenti, di sofferenza e scelte, passando attraverso temi complicati come la morte e la malattia che l’autrice però tratta con garbo ed in profondità, riuscendo a toccare le corde più intime del lettore.

Una storia di famiglie, segreti e bugie, ma anche di rapporti riscoperti e di vite mancate.

Intenso e commovente. Da leggere.

Recensione di Lucilla Parisi