Materia, le parole

Materia, le parole di Marco Mengoni Scuola HoldenRizzoli 2024

“Le canzoni di Materia sono diventate il punto di partenza di un nuovo percorso… e sono tornate a me sotto forma di prosa, poesia, testi teatrali, senza nessun limite all’immaginazione degli studenti che hanno scelto di partecipare a questa nostra follia: solo la gioia di sapere che le canzoni avrebbero aperto nuove strade, che dalle storie sarebbero nate altre storie. Un circolo vizioso virtuoso che è arrivato oggi a essere questo libro.” Materia, le parole nasce dalla collaborazione tra Marco Mengoni e la scuola Holden di Torino. Dopo aver ascoltato i tre dischi dell’artista (Terra, Pelle e Prisma), gli studenti hanno prodotto racconti, poesie e riflessioni in base alle suggestioni dei pezzi e alle emozioni che hanno provato ascoltandoli. Ogni racconto si lega a una canzone in particolare, che può essere ascoltata prima, dopo o durante la lettura, così che la voce del cantante accompagni tutte le storie diventando un filo conduttore preziosissimo.

__________________________________

È arrivato in libreria Materia, le parole, il nuovo libro nato dalla collaborazione tra Marco Mengoni e la Scuola Holden di Torino. Il volume raccoglie racconti, poesie e riflessioni dei tantissimi studenti che si sono lasciati ispirare dalle canzoni della trilogia di album “Materia” (Terra, Pelle e Prisma) dell’artista.

Ogni racconto si lega a una canzone in particolare di “Materia”, che può essere ascoltata prima, dopo o durante la lettura, così che la voce del cantante accompagni tutte le storie diventando un filo conduttore preziosissimo. Marco Mengoni è atteso a Sanremo come ospite e co-conduttore della prima serata.

Di seguito, la descrizione del progetto, così come raccontato sulla app ufficiale del cantautore:

«Le parole sono importanti, sia che vengano cantate, accompagnandole ed amplificandole con la musica, sia che vengano “semplicemente” scritte così da avere nel loro proprio suono quella magia che finisce con il dipingere storie, volti, emozioni. Abbiamo voluto unire queste due prerogative delle parole, e lo abbiamo fatto chiedendo il supporto della Scuola Holden, la scuola di storytelling che accoglie a Torino studenti da ogni parte d’Italia.

Ad alcuni studenti, infatti, prima è stato fatto ascoltare l’album di Marco, “Materia (Terra)”, e poi è stato chiesto di scrivere un testo — una poesia, un racconto, un dialogo — che traducesse in parole le emozioni, le sensazioni che i brani dell’album avevano suscitato.

Ne sono venute fuori 8 storie, 8 elaborati molto diversi tra loro, 8 finestre aperte su panorami emozionali in cui ognuno può ritrovare anche qualcosa di sé, anche argomenti delicati che gli studenti hanno saputo articolare in modo coinvolgente, sfruttando le immagini del loro vissuto scaturite dalla contaminazione di “Materia (Terra)”.

Un viaggio di parole e sensazioni alla scoperta di nuove emozioni, un viaggio che potrà farci riflettere o ritornare bambini attraverso narrazioni curiose e originali».

I titoli dei racconti

“Il modo di sparire delle tartarughe” di Valeria Lattanzio
“L’altra terra” di Marianna Cenerelli
“Miniracconti” di Francesca Peligra
“Lettera ad una stella” di Filippa Rosa
“El Buso” di Zaccaria Cheli
“Poesie per Mengoni” di Cecilia Rita
“Il cantante che aveva perduto la voce” di Giacomo Mannella
“Beato l’uomo” di Sara Russolino

Le parole di Marco Mengoni

«Le canzoni di “Materia” sono diventate il punto di partenza di un nuovo percorso… e sono tornate a me sotto forma di prosa, poesia, testi teatrali, senza nessun limite all’immaginazione degli studenti che hanno scelto di partecipare a questa nostra follia: solo la gioia di sapere che le canzoni avrebbero aperto nuove strade, che dalle storie sarebbero nate altre storie. Un circolo vizioso virtuoso che è arrivato oggi a essere questo libro».

Dunque, dopo aver ascoltato i tre dischi dell’artista (Terra, Pelle e Prisma), gli studenti hanno prodotto racconti, poesie e riflessioni in base alle suggestioni dei pezzi e alle emozioni che hanno provato ascoltandoli. Così, ogni racconto si lega a una canzone in particolare, che può essere ascoltata prima, dopo o durante la lettura, così che la voce del cantante accompagni tutte le storie diventando un filo conduttore preziosissimo.