MODI DI DIRE (2): Ingoiare un rospo

Ingoiare un rospo

Ogni giorno ci capita di ingoiare rospi, ossia di mettere a dura prova la nostra pazienza affrontando, accettando e superando situazioni a dir poco sgradevoli. Ma perché si parla proprio del povero rospo?

Una volta il mio cane ne ingoiò uno (uno vero, uno vivo!) e devo dire che già solo guardarlo mentre lo mandava giù fu un’esperienza abbastanza disgustosa…

Comunque, tornando a noi, l’origine dell’espressone si ricollega, come spesso accade, ad antiche credenze popolari, che vedevano nel goffo e panciuto anfibio un animale orrendo e ripugnante, oltre che non commestibile.

A me personalmente fa tanta simpatia. Certo, ingoiarlo sarebbe un’altra cosa…

di Marika Piscitelli