Neri Pozza: novità editoriali luglio 2024

La signora di Bathia House

Neri Pozza arricchisce la sua collana con due nuove uscite per questo mese di luglio.

Toby Lloyd, Fervore (2 luglio): è la storia toccante e inquietante di una famiglia ebrea londinese, i Rosenthal, che vive un’esperienza devastante quando la figlia Elsie scompare e ritorna profondamente cambiata. Eric e Hannah, genitori devoti, affrontano la crisi familiare in un contesto di fede rigorosa. Un segreto del passato in Polonia e la morte del nonno Yosef alimentano il dramma, mentre Elsie, afflitta da un oscuro tormento, trascina la famiglia nel caos. Il romanzo esplora temi di fede, identità e disfunzione familiare, con un tocco sia comico che destabilizzante.

Toby Lloyd è nato e vive a Londra. Ha studiato a Oxford e ha conseguito un master in Scrittura creativa alla New York University. Suoi racconti e saggi sono apparsi in Carve Magazine, nella Los Angeles Review of Books e in altre riviste, oltre a essere stati selezionati nella longlist del V.S. Pritchett Short Story Prize nel 2021.

Sujata Massey, La signora di Bathia House (5 luglio): segue le vicende di Perveen Mistry, l’unica avvocata di Bombay negli anni ’20. Durante un tea party di beneficenza, il nipotino del padrone di casa, Ishan Bhatia, prende fuoco. La giovane serva Sunanda rischia la vita per salvarlo, ma viene ingiustamente accusata dell’incendio. Perveen si impegna a difenderla, affrontando divisioni di classe e pregiudizi, cercando giustizia per Sunanda. La sua determinazione e la sua lotta contro il sessismo e il razzismo sono al centro di questo avvincente mistero ambientato nell’India pre-indipendenza.

Sujata Massey è nata in Inghilterra da madre tedesca e padre indiano. Cresciuta negli Stati Uniti, ha studiato scrittura alla Johns Hopkins University, ed è stata reporter per il Baltimore Evening Sun. Per Neri Pozza sono usciti L’amante di Calcutta (2014, beat 2018) e i primi tre volumi della serie con protagonista Perveen Mistry, vincitrice dell’Agatha Award e del Mary Higgins Clark Award: Le vedove di Malabar Hill (2018, beat 2021), La pietra lunare di Satapur (2019, beat 2022) e Il principe di Bombay (2023, beat 2024). Vive a Washington DC con la famiglia.