Pasolini e il paesaggio tra Friuli e Basilicata

Sabato 2 maggio 2015 – ore 17.00
Teatro Pier Paolo Pasolini – Ridotto
via Piave 16 / Casarsa della Delizia (PN)

Centro Studi Pier Paolo Pasolini
Città di Casarsa della Delizia
ProCasarsa della Delizia 

annunciano il convegno

Pasolini e il paesaggio tra Friuli e Basilicata 
Prospettive di sviluppo del turismo culturale 

saluti delle autorità

interventi

Andreina Serena Romano
Istituto EXO – Potenza 

Moreno Baccichet
Università IUAV – Venezia 

Maura Locantore
Università della Basilicata 

Angela Felice
Centro Studi Pier Paolo Pasolini – Casarsa della Delizia 

Il paesaggio, da un lato, come fonte di suggestioni artistiche, topografia dei sentimenti,  geografia  da decantare in parola poetica o in immagine cinematografica. Il paesaggio, dall’altro, come ambiente da rispettare e tutelare, nella prospettiva del dialogo corretto tra uomo e natura e, sul piano economico, di un equilibrato turismo culturale. Si gioca su questa doppia prospettiva il momento convegnistico che a Casarsa della Delizia impreziosisce con un appuntamento di riflessione la tradizionale festa della Sagra del Vino, giunta alla 67.ma edizione e suggellata per questo 2015 dal gemellaggio tra la cittadina friulana della Destra Tagliamento e il paese lucano di Barile, in provincia di Potenza. A cementare le due località sono del resto non solo la produzione enologica e la tradizione agricola, ma anche la figura di Pasolini, che a Casarsa visse la decisiva stagione giovanile della formazione affettiva, poetica e culturale e a Barile girò nel 1964 parte delle riprese iniziali del film Il Vangelo secondo Matteo.

Pasolini e il paesaggio tra Friuli e Basilicata”, con il sottotitolo “Prospettive di sviluppo del turismo culturale”, fornisce dunque il tema che, sabato 2 maggio, dalle ore 17, sarà indagato al Ridotto del Teatro Pasolini di Casarsa, per una iniziativa promossa e organizzata dal Comune, dalla Proloco e dal Centro Studi Pasolini. A intervenire sul fronte propriamente ambientalista, anche nella prospettiva dello sviluppo eco-compatibile, saranno Andreina Serena Romano, dell’Istituto Exo di Potenza, e Moreno Baccichet, docente all’Università IUAV di Venezia. Toccherà poi a Maura Locantore, dell’Università della Basilicata, e ad Angela Felice, direttore del Centro Studi casarsese, articolare da più punti di vista l’argomento “paesaggio” in riferimento alla sensibilità di Pasolini, cantore non di oasi d’arcadia, ma di geografie del mistero contadino, di cui tra i primi, nella crescente insensatezza moderna dello sviluppo senza progresso, avvertì, denunciò e patì la scomparsa.

Il pomeriggio sarà arricchito anche dal coinvolgimento attivo dei ragazzi di Casarsa, che, dalle ore 15 alle ore 17, saranno impegnati come “ciceroni” nelle visite guidate a Casa Colussi, sede del Centro Studi Pasolini, in via Guido A. Pasolini 4.

Info:
 Centro Studi Pier  Paolo Pasolini, via Guido A. Pasolini 4, 33072 Casarsa della Delizia (PN) – tel. 0434 870593
info@centrostudipierpaolopasolinicasarsa.it
 www.centrostudipierpaolopasolinicasarsa.it