Premio Letterario Città di Lugnano a Emanuela Anechoum

Premio Città di Lugnano

Emanuela Anechoum, con il suo romanzo Tangerinn (edizioni e/o), ha vinto la decima edizione del prestigioso Premio Letterario Città di Lugnano. La cerimonia di premiazione si è svolta nella pittoresca piazza Santa Maria di Lugnano in Teverina, alla presenza del nuovo sindaco Alessandro Dimiziani e del presidente della giuria Paolo Petroni. La giuria, composta da esperti come Daniela Carmosino, Annagrazia Martino, Giorgio Nisini, Paolo Pintacuda, Ilaria Rossetti, Carlo Zanframundo e Luca Ricci, vincitore dell’edizione 2023, ha selezionato il romanzo di Anechoum tra una rosa di cinque finalisti.

Tangerinn è un romanzo che intreccia le vicende personali di Mina con la storia del suo defunto padre. Ambientato tra Londra, il Marocco e un piccolo paese calabrese, il libro esplora temi come lo sradicamento, l’identità e la ricerca di pace. La protagonista Mina, attraverso un dialogo postumo con il padre, rivive il passato e scopre le similitudini tra le loro esperienze di vita, trovando forza e speranza nel loro legame.

La giuria popolare ha invece premiato Il velo strappato di Brunella Schisa (HarperCollins), che narra la vicenda ottocentesca di Enrichetta Caracciolo, una monaca ribelle che si oppose alle imposizioni della sua epoca e partecipò ai moti risorgimentali.

La sezione dedicata ai racconti inediti, quest’anno focalizzata sul tema della luce, è stata vinta da Pancrazio Anfuso con il racconto Dal buio. Questo lavoro, che descrive con finezza i pensieri di un minatore durante una protesta, è stato raccolto insieme agli altri racconti finalisti nel volume Effetto luce, curato da Elisabetta Putini.

Oltre ai premi principali, è stato introdotto il Premio Speciale Giorgio Patrizi, in memoria dell’illustre italianista e fondatore del premio. Questo riconoscimento per la qualità stilistica e la ricerca sperimentale è stato assegnato a Incompletezza di Deborah Gambetta (Ponte alle Grazie), un romanzo che combina autofiction e biografia, esplorando un complesso problema sentimentale e l’amore per il matematico Kurt Gödel.

Gli altri finalisti della decima edizione del Premio Letterario Città di Lugnano sono stati Giulia Corsalini con La condizione della memoria (Guanda) e Alice Urciolo con La verità che ci riguarda (66thand2nd). La manifestazione ha visto due giorni di celebrazioni, presentazioni di libri e incontri con gli autori, rendendo omaggio alla letteratura in uno dei borghi più belli d’Italia.