Quadri e letteratura

Talvolta un romanzo ispira un’opera dell’arte figurativa. E viceversa. Quasi a significare che vi è osmosi tra la diverse manifestazione dell’arte.

Qualche esempio?

Le notti bianche: oltre a essere una deliziosa opera di Dostoevskij, oggi in commento nella nostra homepage, “Le notti bianche” è un’opera pittorica di Alexey S. Mikhailov.

E “Le mille e una notte”? Naturalmente sono un capolavoro della letteratura erotica. Ma sono anche un’opera di Vittorio Zecchin.

Che dire infine di “Cabiria”? Ė il titolo della locandina realizzata da Leopoldo Metlicovitz. Ma  ricordiamo che fu D’Annunzio a ideare il nome “Cabiria”, “nata dal fuoco”, e lo volle come titolo del film muto del 1914 diretto da Giovanni Pastrone, considerato il più grande kolossal e il più famoso film italiano del cinema muto. Cabiria è il nome della protagonista che il dio Moloch vuole sacrificare…

Bruno Elpis