Selezionati i nove scrittori del Premio Calvino XXVIII ed.

Premio Italo Calvino

Sono ben nove gli autori selezionati per la XXVIII edizione del Premio Calvino, tra i quali il 26 maggio sarà selezionato il vincitore 2015:

Valerio Callieri, Teorema dell’incompletezza

Daniel Di Schuler, Alberto Kappa. Note di un risveglio

Massimo Franceschelli, Italia

Veronica Galletta, Le isole di Norman

Yasmin Federica Incretolli, Ultrantropo(rno)morfismo

Carlo Loforti, Il calcio è un bastardo

Cristian Mannu, Maria di Ísili

Federico Muzzu, Condizioni di frattura

Alessandro Tuzzato, L’inutilità dei buoni

Ora la parola passa ai giurati Paolo Giordano, Dacia Maraini, Francesco Permunian, Fabio Stassi e Chiara Valerio per la proclamazione del vincitore.

Paolo GIORDANO. Dopo aver conseguito la laurea specialistica in Fisica delle interazioni fondamentali presso l’Università di Torino nell’Anno Accademico 2005-2006, ha poi ottenuto il dottorato di ricerca in Fisica Teorica nel 2010. Nel 2008 ha vinto il Premio Strega e il Campiello Opera Prima col suo primo romanzo, La solitudine dei numeri primi, che ha avuto ampia risonanza internazionale (è uscito in oltre quaranta paesi). Successivamente ha pubblicato Il corpo umano nel 2012, romanzo corale su un gruppo di militari italiani in missione in Afghanistan, e Il nero e l’argento nel 2014. Collabora con il “Corriere della Sera” e ha partecipato anche a progetti di Medici Senza Frontiere.

Dacia MARAINI. Dopo l’esordio con La vacanza nel 1962, ha ottenuto il Premio Internazionale Formentor per opere inedite con L’età del malessere. La sua prima raccolta poetica Crudeltà all’aria aperta (1966) rimanda all’esperienza della neoavanguardia. Negli stessi anni ha sviluppato un interesse per il teatro  (per il quale ha scritto decine di testi, tra cui il Dialogo di una prostituta con un suo cliente) che si è intrecciato con la sua militanza femminista e con l’attività del collettivo romano “La Maddalena” (Storie di Piera, 1980, in collaborazione con Piera Degli Esposti). Della sua ampia produzione narrativa ricordiamo La lunga vita di Marianna Ucrìa (1990, Premio Campiello), Bagheria (1993), Buio (1999, Premio Strega), La nave per Kobe (2001), in cui è rievocata la vicenda infantile della prigionia in Giappone, Il gioco dell’universo (2007, Premio Cimitile), dedicato alla figura del padre, l’etnologo Fosco Maraini, e alle sue esperienze tibetana e giapponese, L’amore rubato (2012), otto storie di violenza subite dalle donne. La sua ultima opera pubblicata è Chiara d’Assisi. Elogio della disobbedienza, (2013). Notevole è anche la sua produzione saggistica e giornalistica: Donne in guerra (1975), Il bambino Alberto, intervista ad Alberto Moravia (1986), Sulla mafia. Piccole riflessioni personali, (2009). Tra le sue molte battaglie civili citiamo quella a favore dei diritti degli animali. 

Francesco PERMUNIAN. Di lontane origini armene e per 35 anni bibliotecario a Desenzano sul Garda, ha esordito nel 1999 con Cronaca di un servo felice, a cui sono seguiti, tra gli altri, Dalla stiva di una nave blasfema (2009), La casa del sollievo mentale (2011), Il gabinetto del dottor Kafka (2013).  Andrea Cortellessa ha detto di lui: “Leggere Permunian significa fare esperienza, ogni volta, della necessaria doppiezza della letteratura. Chi scrive quel che si ostina a scrivere Permunian è Hannibal the Cannibal”. Ha iniziato come poeta pubblicando due raccolte di poesie, Una strana vocazione al suicidio (1980) e Il teatro della neve (1984), ispirandosi alle quali nel 1985 il celebre fotografo Mario Giacomelli ha pubblicato il volume Interpretando il poeta Francesco Permunian. Sta preparando con l’attrice Maria Paiato uno spettacolo ispirato al suo racconto Il compleanno (sorta di monologo di un vecchio nazista che nel giorno genetliaco ripensa al proprio terribile passato) che vedrà la luce in autunno all’auditorium del Vittoriale di Gardone Riviera.

Fabio STASSI. Di origine arbëreshë sicula, vive a Viterbo e lavora a Roma presso la Biblioteca di Studi Orientali della Sapienza. Scrive sui treni. Ha esordito con Fumisteria nel 2006 (Premio Vittorini opera prima 2007), ambientato nella Sicilia degli anni Cinquanta con la strage di Portella della Ginestra sullo sfondo. Tra le opere successive: È finito il nostro carnevale (2007) sulle rocambolesche vicende della Coppa Jules Rimet, ovvero la Diosa de la Victoria, la prima Coppa del Mondo; La rivincita di Capablanca (2008, Premio Coni 2009) sul celebre campione di scacchi cubano; L’ultimo ballo di Charlot (2012), che ha avuto numerosi riconoscimenti, tra i quali il Premio Selezione Campiello 2013, ed è stato tradotto in 19 lingue.  Con Holden, Lolita, Živago e gli altri (2010) ha scritto un’originale e personale antologia di duecento ritratti dei personaggi letterari del secondo Novecento, nella quale ciascuno di essi si presenta in prima persona. Il suo titolo più recente è Come un respiro interrotto (2014). 

Chiara VALERIO. Vive a Roma dopo aver conseguito un dottorato in Matematica presso l’Università Federico II di Napoli. Ha scritto romanzi e racconti, tra cui: A complicare le cose (2007), Spiaggia libera tutti (2010). Ha tradotto Flush di Virginia Woolf. La sua ultima opera è Almanacco del giorno prima (2014). Si è occupata anche, a livello divulgativo, di temi filosofici, come in Dilemmi politici (2010), dove affronta tra l’altro il cruciale nodo del rapporto problematico tra libertà e uguaglianza e, in chiave narrativa e con ironia, della scuola italiana  con il suo eterno bagaglio di problemi  in Nessuna scuola mi consola (2009). È redattrice di «Nuovi Argomenti» e di «Nazione indiana», scrive per numerosi quotidiani, tra cui la “Domenica” del “Sole 24 Ore” e “Glamour”. Collabora con Ad alta voce di Radio3 e con il programma televisivo Pane quotidiano.

_________________________________

I nostri articoli su Italo Calvino: 

Il ragazzo che difende i cipressi e “Il barone rampante” di Italo Calvino 

Seeing Calvino e “Le città invisibili” 

Il neorealismo italiano. Alla scoperta del fenomeno della resistenza in Calvino, Pavese e Vittorini 

Scheda dell’autore con i link delle nostre recensioni alle opere di questo straordinario scrittore.