Shōgun

Shōgun di James ClavellBompiani 2024

Sullo sfondo di una civiltà raffinata, violenta e sottoposta a una rigida divisione in caste, un romanzo avvincente fatto di avventure, intrighi, amore, filosofia orientale e storia che, tra massime zen e battaglie cruente, alterna fino all’ultima pagina poesia e tensione narrativa.

Partito alla volta dell’Oriente per il monopolio olandese del commercio con Cina e Giappone, John Blackthorne, comandante dell’Erasmus, si ritrova costretto da una tremenda tempesta al naufragio in un villaggio di pescatori nel Giappone feudale del XV secolo. In quel mondo sconosciuto e lontano, Blackthorne deve trovare il modo di sopravvivere. Grazie al suo coraggio, che lo condurrà sulla via dei samurai, con il soprannome di Anjin (il navigatore) diventerà il fido aiutante dello Shōgun e nella sua ascesa al potere conoscerà l’amore impossibile per la bella e ambigua Mariko.

_______________________________________

Lo show in 10 episodi, tra intrighi di potere e lotta per la supremazia politica, arriva su Disney+ a partire dal 27 febbraio

Con il termine Shōgun si intende il condottiero e comandante a capo del governo feudale del Giappone fino alla fine dell’800 ed è anche il titolo della nuova serie tv che porta in scena l’omonimo romanzo di James Clavell, a quasi cinquant’anni dalla sua prima pubblicazione. A pilotare il progetto ci sono i co-creatori Rachel Kondo e Justin Mark, per un’avventura tra gli intrighi di palazzo nipponici che potrebbe riportarci con la mente ai fasti strategici di “Game of Thrones”. I primi due episodi saranno disponibili su Disney+ dal 27 febbraio, seguiti poi da una nuova puntata ogni settimana.

Il potente e osteggiato Toranaga sarà interpretato da Hiroyuki Sanada, mentre Cosmo Jarvis e Anna Sawai avranno rispettivamente i ruoli di Blackthorne e Mariko. Insieme a loro ci saranno nel cast Tadanobu Asano, Yûki Kedôin, Eushin Lee, Tommy Bastow, Hiroto Kanai, Hiromoto Ida, Emi Kamito e Kengo Hashimoto.

Il percorso che ha portato a Shōgun non è stato dei più semplici. L’adattamento è già nei piani della FX dal 2018, ma la stesura dello script ha richiesto anni e un cambio di team, confermato nel 2020 con l’arrivo di Justin Marks e della scrittrice Rachel Kondo. La coppia si è dovuta confrontare con le oltre 1200 pagine del romanzo di Clavell e con il suo mondo complesso, ma aveva anche un altro precedente da soppesare, soprattutto per capire se abbracciarne l’approccio o meno. La miniserie televisiva del 1980 era infatti essenzialmente impostata su un punto di vista occidentale, con il focus posto soprattutto sul personaggio di Blackthorne, interpretato da Richard Chamberlain. Per lo Shōgun di Disney+ si è invece scelto di restituire il posto d’onore alla cultura giapponese, onorandola con un cast quasi interamente nipponico, con la lingua locale e con un’attenzione tutta concentrata sulla ricca quanto sanguinaria storia del Giappone.